La politica degli sconti per la qualità della rete

19.12.2017 News

Ci siamo chiesti più volte in fase di attivazione dei nostri servizi come avremmo dovuto e potuto gestire il capitolo “sconti”. Innanzitutto abbiamo subito eliminato l’ipotesi più che percorsa oggigiorno, quella di gonfiare un prezzo per poi tagliarlo per dare l’illusione di uno sconto.
Fatto questo, la riflessione è stata breve e la conclusione è stata che non c’era molto che avremmo potuto fare in quanto il nostro margine di guadagno è sincero e competitivo e mantiene integro il principio della qualità del lavoro.
A conti fatti, però, in alcuni casi, rimane il desiderio di poter offrire al cliente un valore aggiunto.
Anche in questa circostanza il caso o la coerenza ha voluto che, senza rendercene conto, fossimo già nella condizione di inserire spontaneamente nel nostro lavoro “qualcosa in più”, che per noi rappresenta il metro del nostro coinvolgimento. 

Come gruppo di lavoro che basa i propri principi su etica e qualità, quindi, siamo soliti non applicare sconti.

Ed eccoci dunque a quello che possiamo definire il nostro parallelo allo sconto: è l’inserimento del cliente in un particolare cerchio interno della nostra rete, e questo accade quando riusciamo a percepire in alcuni clienti il sincero desiderio di creare un vero percorso digitale in continua crescita, la necessità di affidarsi a professionisti che possano essere considerati partner a tutti gli effetti, piuttosto che semplici fornitori di un prodotto, clienti che condividono con noi l’esigenza di creare non solo prodotti e servizi di qualità, ma anche di connotarli con particolare passione e cuore.

 

call us
info@thebrainmarket.it

Scopri i nostri progetti

The Brain Market