Farsi notare su Pinterest

Farsi notare su Pinterest: piano d’attacco per aziende

07.08.2018 Vita da Social

Ora che hai ne sai un po’ più grazie all’articolo in cui ti abbiamo spiegato come muovere i primi passi, è tempo di parlarti di come farsi notare su Pinterest.

Hai creato l’account della tua azienda, hai completato il tuo profilo, confermato il sito, creato bacheche e le hai riempite di Pin. Bene, il profilo è più che attivo.

Ma ora come fare per usarlo in maniera utile?

Ecco un piano d’azione in pochi passaggi per far conoscere la tua azienda su Pinterest.

1. Pubblica immagini di grande qualità

Non finiremo mai di ripeterlo. Pinterest è un social estremamente visivo.

Per farsi notare è estremamente importante pubblicare contenuti di grande qualità. Le foto devono essere nitide, ben esposte, ben composte e ben a fuoco.

Se non hai grandi competenze in materia, affidarsi ad un fotografo per scattare foto ben studiate, ben realizzate e ben trattate è la soluzione ideale.
Insieme potrete pensare a modi creativi per mettere in mostra il tuo prodotto e il tuo brand nel migliore dei modi.

Anche se puntare troppo su immagini autoreferenziali può non essere la soluzione ideale. Le immagini di lifestyle sono molto più apprezzate di quelle di prodotto. Trova un modo creativo per parlare di te, senza darlo troppo a vedere!

Un altro aspetto estremamente importante da tenere a mente nella realizzazione degli scatti è che la maggior parte dei Pinner utilizza l’app da device mobili, quindi è bene ottimizzarle per questi dispositivi.

Il formato verticale è dunque quello che va per la maggiore: le proporzioni ideali sono 2:3, quindi una foto di 600×900 pixel.

E ricorda una cosa molto importante. Per farsi notare su Pinterest può essere utile anche collegare immagini differenti alla stessa pagina web: in questo modo puoi attirare diversi tipi di audience ed aumentare le possibilità di avere un buon risultato in termini di coinvolgimento.

2. Le parole sono importanti

Per farsi notare su Pinterest, non contano solo le belle foto.

Anche le immagini più belle, da sole, non bastano a creare un buon engagement. Aggiungi brevi didascalie per sfruttare al meglio il campo della descrizione e raccontare qualcosa in più del mondo che c’è oltre il tuo contenuto.

Ovviamente, i collegamenti dovranno essere fedeli a quanto hai scritto. In questo modo gli utenti si fidelizzeranno, seguiranno il tuo brand e ci interagiranno sia all’esterno che all’interno del social.
Includi sempre anche le keyword più importanti, in modo curato ma naturale.

Il testo dev’essere pensato per gli utenti reali (e non per i bot di ricerca) ma anche utile perché i tuoi Pin appaiano nella ricerca.

Se seguirai il nostro consiglio e creerai immagini diverse che rimandano agli stessi contenuti, fatti furbo e crea anche una descrizione diversa per ognuna di esse.

3. Interagisci con regolarità

Ogni giorno dedica del tempo a Pinterest.

Pubblica nuovi Pin suddividendoli in più giorni nella settimana così che ci siano più possibilità che entrino nei flussi di ricerca.

E se vuoi che gli utenti interagiscano con il profilo della tua azienda, tu in primis devi interagire con loro. Pinterest non è semplicemente una vetrina. Segui bacheche o account simili al tuo (non i tuoi competitor) e salva i Pin affini alla filosofia del tuo brand.

4. Guarda le statistiche

Per migliorare la tua strategia puoi consultare le statistiche di Pinterest e raccogliere dati utili su quali sono i contenuti che hanno ottenuto risultati migliori di altri.

Così potrai vedere quali sono i Pin più popolari, quali rimandano maggiormente al tuo sito e modificare il tuo approccio per migliorare le tue performance dove ce n’è bisogno.

Molto utile è la possibilità di vedere in quali bacheche sono inclusi i tuoi Pin. Così facendo capirai meglio le abitudini e i gusti degli utenti interessati alla tua azienda e magari ti potrai far ispirare per i contenuti futuri.
Ma non è tutto. Potrai conoscere i dati demografici di chi ti segue, ottenendo insight utili per capire bene qual è la tua vera audience.

5. Prova Pinterest Ads

Come su tutti i social, i contenuti sponsorizzati sono un ottimo modo per farsi notare su Pinterest.

Con Pinterest Ads puoi ampliare la visibilità del tuo brand e aumentare le interazioni organiche future.

Unica pecca: nel momento in cui i Pinner salvano un tuo contenuto sponsorizzato nelle loro bacheche, questo diventa un normale Pin organico. Ma con ciò non significa che tu non abbia comunque ottenuto un buon risultato!

Ora che sai anche come farsi notare su Pinterest, questo social non ha più segreti per te! Ma per chi ha funzionato veramente? Dal prossimo articolo vedremo insieme alcune case histories di brand che hanno saputo utilizzare il social nel modo migliore. Non perdertelo!

call us
info@thebrainmarket.it

Scopri i nostri progetti

The Brain Market